Il demone del mare PDF Stampa E-mail
Scritto da Erica   
Mercoledì 09 Giugno 2010 09:53

Con spumeggiante candida schiuma
Sulle sponde si spande l'eterno
Ciò che vede e desia a sé raccoglie.

Arti di scagliosa nera piuma
Labbra sottili rese d'inverno
Bramano avidità di senno spoglie.

Su spalle gelose tiene a galla le isole in suo possesso,
Raccolte intorno a lui, sotto l'onere riflesso.

Sigillati tra le sue onde ha i tesori del grande mare,
Che solo caparbi rapaci posson scovare.

Impetuoso langue e respinge gli scogli immoti, sì ribelle,
Nasconde il fragile cuore marino alla coltre delle stelle.

 

Erica Bellucci

Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Gennaio 2011 23:38
 
SEO by Artio

Informativa
Questo sito si avvale di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. I cookie vengono utilizzati esclusivamente dal sito gadareth.it e non vengono in alcun modo trasmessi ad altri. Se vuoi saperne di più o di piu' negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Clicca su "Acconsento" per permettere l’uso dei cookies. Per informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consultare la nostra privacy policy.

Io accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive